Cheratite pigmentosa nel cane: cause, diagnosi e cure

Cos’è la cheratite pigmentosa ? La cheratite pigmentosa si riferisce a una decolorazione brunastra-nera della superficie dell’occhio, causata dalla deposizione di granuli di melanina pigmentata.

Ciò è probabilmente dovuto alla loro conformazione facciale, nonché a fattori genetici.

Quali sono le cause della cheratite pigmentosa?

La cheratite pigmentosa è causata da irritazione cronica o infiammazione dell’occhio. Quando si verifica questa infiammazione cronica, i granuli di melanina possono essere depositati negli strati profondi della cornea.

Le cause comuni di infiammazione oculare che possono provocare cheratite pigmentosa includono malattie della palpebra, come entropion (palpebra arrotolata verso l’interno), ectropion (palpebra arrotolata verso l’esterno), ciglia anormali o tumori della palpebra.

Ognuna di queste anomalie palpebrali può causare traumi cronici alla superficie dell’occhio. La cheratite pigmentosa può anche essere vista in associazione con la cheratocongiuntivite secca (KCS) o l’occhio secco.

In questi soggetti, una scarsa produzione di lacrimazione porta all’infiammazione cronica degli occhi. Riflessi delle palpebre anormali possono essere visti nei cani affetti, poiché la loro incapacità di proteggere e lubrificare adeguatamente l’occhio porta a un’infiammazione cronica.

Alcuni cani avranno una storia di ulcere corneali croniche o ripetute dovute ad altre cause, o una storia di precedenti interventi chirurgici alla cornea.

In alcuni casi, non è possibile identificare alcuna causa sottostante. In altri casi, anche dopo che la causa sottostante è stata affrontata, il pigmento continua a formarsi. Questi fattori suggeriscono una componente genetica di questa condizione.

La cheratite pigmentosa è più comune nelle razze di cani brachicefalici, come il Carlino, Boxer, Bulldog Inglese e Bouledogue Francese.

Quali sono i segni clinici della cheratite pigmentosa?

I cani con cheratite pigmentosa hanno un deposito visibile di pigmento all’interno della cornea. L’aspetto di questa pigmentazione può variare da deboli punti marroni a fitte macchie nere che possono oscurare la visione.

La cheratite pigmentosa può spesso essere osservata dai proprietari in condizioni di illuminazione normali, tuttavia alcuni casi vengono rilevati solo a un esame più attento.

Come viene diagnosticata la cheratite pigmentosa?

La cheratite pigmentosa può in genere essere diagnosticata dal veterinario durante un esame fisico di routine.

Il veterinario può utilizzare un oftalmoscopio (o un’altra fonte di luce) per esaminare la superficie della cornea e valutare altri problemi oculari concomitanti.

Una volta diagnosticata la cheratite pigmentaria, il veterinario inizierà il processo di diagnosi della causa alla base della condizione.

Il tuo veterinario esaminerà da vicino gli occhi, le palpebre e i riflessi oculari del tuo cane per cercare anomalie che potrebbero irritare la superficie dell’occhio.

Il tuo veterinario può eseguire uno Schirmer Tear Test per valutare la produzione di lacrime del tuo cane, oltre a una macchia di fluoresceina per escludere ulcere corneali. In alcuni casi, il tuo veterinario può indirizzare il tuo cane a un oftalmologo per un esame più avanzato.

Come viene trattata la cheratite pigmentaria?

Il trattamento della cheratite pigmentosa è diretto a trattare la causa sottostante. Se la causa alla base dell’infiammazione può essere identificata e corretta, potrebbe essere possibile arrestare la deposizione di ulteriore pigmento della cornea.

In caso di anomalie palpebrali, come entropion, ectropion, anomalie delle ciglia o tumori palpebrali, è spesso necessaria una correzione chirurgica.

Le procedure chirurgiche utilizzate nella gestione delle anomalie palpebrali sono progettate per ripristinare il normale contorno palpebrale e ridurre ulteriori traumi alla cornea.

Il trattamento della cheratite pigmentosa comporta quasi esclusivamente affrontare la causa sottostante dell’infiammazione cronica.

In caso di cheratocongiuntivite secca (KCS) o occhio secco, vengono utilizzati farmaci per favorire la produzione di lacrime. Le lacrime artificiali possono anche essere utilizzate per aiutare la lubrificazione dell’occhio.

Le regioni pigmentate dell’occhio vengono raramente rimosse chirurgicamente, a causa dei rischi associati a questo intervento chirurgico. In alcuni casi possono essere utilizzati farmaci, sebbene i risultati siano variabili.

Nella maggior parte dei casi, la cheratite pigmentosa non può essere completamente invertita. Il pigmento può schiarirsi nel tempo, ma è raro che i depositi pigmentati sulla cornea si risolvano completamente.

Nei casi di cheratocongiuntivite secca, tuttavia, il ripristino di un film lacrimale appropriato può consentire la completa risoluzione delle discromie.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *